banner chi siamo

CHI SIAMO

L’Associazione di Promozione Sociale senza scopo di lucro “Il mondo parla” nasce nel 2019, ma la storia di persone, incontri ed eventi che hanno portato alla sua costituzione ha inizio nel 2013. L’Associazione è stata voluta e costituita da insegnanti e professionisti provenienti dagli ambiti più diversi, che hanno in comune l’incontro con un metodo di lettura innovativo per le potenzialità di conoscenza che nel tempo continua a svelare.

Oggi ci occupiamo di eventi culturali, in particolare promuoviamo e organizziamo convegni, incontri, seminari, percorsi formativi, Summer School ed altre iniziative finalizzate a restituire alla letteratura e all'arte un ruolo necessario ed essenziale nel mondo contemporaneo. Le iniziative principali da noi promosse, entrambe guidate dalla professoressa Tat’jana Kasatkina, tradotta da Elena Mazzola, sono l’annuale Summer School e il Percorso di Formazione e Sperimentazione Didattica che hanno come oggetto di studio opere scelte di F.M. Dostoevskij.

Alla base del nostro lavoro c’è un metodo innovativo di lettura dei libri e del mondo.

Si tratta del metodo "da soggetto a soggetto", promosso dalla studiosa russa Tat’jana Aleksandrovna Kasatkina, che favorisce l'apprendimento, la sperimentazione, lo sviluppo di una modalità di conoscenza adeguata al testo o all’oggetto presi in esame, la costituzione di comunità di lettori e di ambiti di dialogo e di ricerca per la ricostruzione del senso integrale delle opere e per una conoscenza più profonda di chi abbiamo di fronte e del mondo che ci circonda.

Secondo la recente indagine riportata nel rapporto Ocse-Pisa 2018, una significativa percentuale di studenti quindicenni italiani non ha sufficienti competenze per comprendere, usare, valutare e riflettere sui testi ed impegnarsi con essi per raggiungere i propri obiettivi, sviluppare le proprie conoscenze e il proprio potenziale e per partecipare attivamente nella società. L’Italia si colloca dunque al di sotto della media dei paesi OCSE per literacy, considerata tra le competenze essenziali per la piena partecipazione alla società.

Questi dati mettono in luce una fragilità già da anni riscontrata da tanti insegnanti che operano nelle scuole del territorio nazionale, dove - in un contesto non di rado appiattito sull’apparenza e su una rapida trasmissione di informazioni che rischia di rendere sempre meno consueto uno sguardo alle cose nella loro profondità - le competenze più o meno direttamente connesse con la lettura risultano spesso carenti. Come suggerisce F.M. Dostoevskij nel Diario di uno scrittore, in «un qualsiasi fatto della vita reale, anche non così evidente a prima vista, e se soltanto avete forza e occhi, vi riconoscerete una profondità che non c'è neanche in Shakespeare. Ma la questione è proprio questa:  agli occhi di chi, chi ha questa forza? Poiché non solo per creare e scrivere opere d'arte, ma anche semplicemente per notare un fatto, occorre in un certo senso un artista».

L’Associazione “Il mondo parla” vuole contribuire alla formazione di giovani e adulti perché possano sviluppare questo tipo di sguardo, che ha bisogno di essere educato e nutrito nel tempo per incidere in modo innovativo e costruttivo nella società attuale.

LA NOSTRA STORIA

Nel 2013 alcuni insegnanti di scuola superiore di I e II grado, docenti e ricercatori universitari di lingua e letteratura italiana e straniera, lettori appassionati di Dostoevskij iniziano un percorso di formazione sull’ermeneutica letteraria condotto dalla Prof.ssa Tat’jana Kasatkina, tradotta dalla sua collaboratrice, Elena Mazzola.

La studiosa promuove il metodo di indagine da lei denominato “da soggetto a soggetto”, che dispone il lettore-interprete a trattare il testo come un soggetto con cui interloquire e non come un oggetto di cui disporre. È lo stesso soggetto da conoscere a dettare il metodo della conoscenza di sé, così che al soggetto che conosce non resta che ascoltare - prestare orecchio - e obbedire.

Solo in questo modo si può essere-con ciò che si conosce: solo ciò che vogliamo conoscere può indicarci la strada verso la propria essenza, che si trova nelle sue stesse recondite profondità.

Un tale approccio conoscenza rappresenta sempre un rischio, ma offre anche la possibilità di arrivare ad una conoscenza più autentica.

L’idea della Scuola di formazione nasce a seguito dell’incontro della studiosa con la professoressa modenese Cristina Rossi, che la invita ad incontrare una classe quinta dell’Istituto professionale IPSIA Corni di Modena, impegnata nella lettura del romanzo “Le notti bianche” di Dostoevskij.

In quell’occasione, l’insegnante si rende conto delle potenzialità che il metodo proposto dalla Prof.ssa T. Kasatkina offre anche a lettori non particolarmente esperti, e intuisce che tutti, seguendo un maestro, possiamo imparare a leggere i grandi autori e accedere alla loro profondità.

Nell’insegnante nasce dunque il desiderio di rendere partecipi di ciò che lei ha visto anche altri colleghi e studenti, per cui chiede alla professoressa se sia disposta a coinvolgersi in un percorso di formazione in Italia.

La professoressa, sorprendentemente, accetta.

Prende così il via la I Summer School, che si tiene nel luglio del 2013 a Sestola e a cui partecipano una quarantina tra insegnanti, studenti e lettori appassionati di Dostoevskji.

Nel 2014 una novità: alcuni dirigenti scolastici riconoscono il valore dell’iniziativa e la sostengono con forza, costituendo una rete di scuole a sostegno del progetto.

Nel 2015, un nuovo passo: alcuni degli insegnanti coinvolti offrono ai loro alunni la possibilità di incontrare la Prof.ssa T. Kasatkina e la Prof.ssa E. Mazzola e di iniziare con loro un percorso di lettura del romanzo “Le notti bianche”.

Si avvia così una sperimentazione didattica che si apre nel marzo 2015 con una lezione introduttiva e si concluderà nel settembre 2015 con una Conferenza studentesca per giovani ed esperti.

Sempre nel 2015 alcuni insegnanti si recano a Staraja Russa per seguire la Conferenza studentesca “Letture d’aprile”, guidata dalla Prof.ssa Kasatkina e che da ormai quindici anni si svolge nel paese in cui F.M. Dostoevskij trascorreva le vacanze.

Nel 2016, la Casa Editrice La Scuola pubblica “Scritti dal sottosuolo” di F.M. Dostoevskij, a cura di T. Kasatkina ed E. Mazzola. Il testo raccoglie la traduzione di “Scritti dal sottosuolo”, “Maša è distesa sul tavolo” e “Socialismo e cristianesimo”, oltre a preziose indicazioni riguardo al metodo di lettura “da soggetto a soggetto”, a seguito del lavoro svolto durante la I Summer School.

Dal 2016, oltre alla rete di scuole, anche l’Associazione DIESSE (Didattica e Innovazione scolastica) sostiene il progetto diventandone un soggetto promotore.

Nel 2017 e nel 2019 altri insegnanti insieme ad alcuni alunni si recano nuovamente alla Conferenza di Staraja Russa. Si consolidano così i rapporti precedentemente nati e anche alcune docenti russe, che seguono le Conferenze studentesche da molti anni, iniziano a frequentare l’annuale Summer School che si tiene in Italia.

Negli anni la Summer School e il percorso di Formazione per docenti e studenti diventano appuntamenti fissi e attesi da un pubblico sempre più vasto e variegato.

Nel 2018 una importante realtà aziendale della Provincia di Brescia ci chiede di organizzare una sessione di una giornata di formazione per i propri dipendenti e partner, guidata dalla Prof.ssa Kasatkina, che attraverso la lettura di un racconto di Dostoevskij tocca alcuni temi fondamentali per lo sviluppo dell’azienda. Il  metodo “da soggetto a soggetto” può dunque aiutare anche a  leggere la realtà del contesto lavorativo, poiché introduce la possibilità di un cambio di sguardo, affinché l’incontro con l’altro diventi ricchezza e opportunità di crescita per l’azienda.

Nel 2019 inoltre viene pubblicato il volume “Il sogno di un uomo ridicolo e altri racconti dal Diario di uno scrittore” di F.M. Dostoevskij, a cura di T. Kasatkina ed E. Mazzola.

Infine, dal 2019 stiamo iniziando a sperimentare l’applicazione del metodo “da soggetto a soggetto” anche alla letteratura italiana. Nell’ottobre 2019, durante l’annuale Convention dell’Associazione Diesse, la Prof.ssa Elena Mazzola ha guidato una “Bottega per insegnanti”, un momento formativo della durata di due giorni sulla lettura dei Promessi Sposi di A. Manzoni.

Dentro una forma ben ritmata, il lavoro intrapreso sotto la guida della prof.ssa T. Kasatkina si mantiene interessante ed attraente per la continua novità di un metodo che non esaurisce mai le infinite possibilità di scoperta e sviluppo che offre.

LA NOSTRA STORIA ATTRAVERSO LE SUMMER SCHOOL

  • Luglio 2013 - opere a tema: Scritti dal sottosuolo di F.M. Dostoevskij e film Dancer in the dark di Lars Von Trier
  • Luglio 2014 - opere a tema: I fratelli Karamazov di F.M. Dostoevskij e film Dogville di Lars Von Trier
  • Luglio 2015 - opere a tema: Le notti bianche, Il contadino Marej, Il bambino alla festa intorno all'albero di Natale dal Cristo di F.M. Dostoevskij e film Le onde del destino di Lars Von Trier
  • Luglio 2016 - opere a tema: Delitto e castigo di F.M. Dostoevskij e film Idioti di Lars Von Trier
  • Luglio 2017 - opere a tema: Scritti da una casa morta di F.M. Dostoevskij e film Medea di Lars Von Trier
  • Luglio 2018 - opere a tema: L’idiota di F.M. Dostoevskij e film L’anticristo di Lars Von Trier
  • Luglio 2019 - opere a tema: I demoni di F.M. Dostoevskij e film Manderlay di Lars Von Trier

COME SI SVOLGE LA SUMMER SCHOOL

La Scuola offre ai partecipanti la possibilità di lavorare per sei giorni sotto la diretta guida della Prof.ssa T. Kasatkina consentendo una full immersion nelle opere dostoevskijane messe a tema, e favorendo un clima di condivisione e scambio culturale tra i presenti, che appartengono a diversi ambiti professionali e provengono da vari luoghi d’Italia e anche dall’estero. La Summer School prevede lezioni frontali, seminari – che rivestono nel percorso formativo della Scuola un ruolo decisivo come metodo privilegiato di lettura e interpretazione -, momenti di studio individuale o in piccoli gruppi, serate dedicate alla visione di film proposti dalla docente e successivamente analizzati sotto la sua guida con il metodo “da soggetto a soggetto”.

LA NOSTRA STORIA ATTRAVERSO IL PERCORSO DI FORMAZIONE E SPERIMENTAZIONE DIDATTICA

  • a.s. 2015 - opera a tema: Le notti bianche di F.M. Dostoevskij
  • a.s. 2016-17 – opera a tema: Il contadino Marej, Il bambino alla festa intorno all'albero di Natale dal Cristo di F.M. Dostoevskij
  • a.s. 2017-18 – opera a tema: Delitto e castigo di F.M. Dostoevskij
  • a.s. 2018-19 – opera a tema: Il sogno di un uomo ridicolo di F.M. Dostoevskij
  • a.s. 2019-20 – opere a tema: Il contadino Marej, Il bambino alla festa intorno all'albero di Natale dal Cristo, Il sogno di un uomo ridicolo di F.M. Dostoevskij

COME SI SVOLGE IL PERCORSO DI FORMAZIONE E SPERIMENTAZIONE DIDATTICA

A partire dal 2015, alcuni docenti che avevano partecipato alla Summer School e altri docenti che non avevano mai preso parte al corso residenziale estivo, desiderano partecipare al percorso di Formazione e Sperimentazione Didattica, in molti casi estendendo il lavoro di ricerca e interpretazione del testo ai propri alunni, come possibilità di ulteriore verifica della bontà ed efficacia del metodo “da soggetto a soggetto” (oltre alle classi di Scuola Secondaria di II Grado di ogni ordine, la proposta è stata rivolta anche ad alunni di Terza Media). Il fatto che anche lettori meno esperti e meno dotati di strumenti culturali possano agire da protagonisti nella ricostruzione del significato dell’opera costituisce un aspetto basilare della metodica promossa dalla studiosa. Si tratta di una modalità di lavoro già da anni sperimentata dalla Prof.ssa T. Kasatkina a Mosca e che si articola nei seguenti momenti con cadenza annuale:

  1. nel mese di settembre in varie città italiane alcuni docenti coinvolti da anni nel percorso formativo tengono incontri per insegnanti di presentazione del metodo di lettura “da soggetto a soggetto”, durante i quali si propone di cominciare la lettura di un’opera scelta di F.M. Dostoevskij, proposta dalla professoressa Kasatkina;
  2. nel mese di ottobre si tiene un Seminario per insegnanti (aperto anche agli alunni che lo desiderano) introduttivo al metodo e ai testi su cui si lavorerà, guidato dalla professoressa Kasatkina;
  3. a partire dal mese di ottobre è possibile ascoltare alcune audiolezioni sul metodo e sulle opere oggetto del percorso formativo tramite l'archivio dei materiali reperibili sul sito www.ilmondoparla.com;
  4. tra il mese di ottobre e il mese di marzo si svolge il lavoro di lettura e di interpretazione dell'opera, secondo le indicazioni offerte, coordinato dai docenti delle classi. Il lavoro prevede la lettura e rilettura dei testi proposti, l’analisi secondo il metodo "da soggetto a soggetto" e la produzione di relazioni individuali o di gruppo su aspetti dell'opera liberamente scelti, l’ eventuale realizzazione di prodotti grafici/fotografici/multimediali (locandine, brochure, segnalibri, cartoline progetti di copertine dell'opera scelta, fotografie, video, ecc.), l’eventuale visione e analisi di opere artistiche e filmografiche legate al percorso come ulteriore verifica sperimentale del metodo “da soggetto a soggetto”;
  5. nel mese di marzo si tengono la Conferenza di letture dostoevskijane con le relazioni di studenti ed eventuali docenti sui risultati della propria ricerca e la Tavola rotonda sulle problematiche e sugli spunti emersi dal lavoro ermeneutico, presiedute dalla prof.ssa Kasatkina.

Entrambe le proposte formative sono riconosciute dal MIUR e presenti sulla Piattaforma SOFIA.

Entrambi i corsi di formazione sono volti anche alla divulgazione del metodo ermeneutico in oggetto, allo scopo di offrire un contributo alla ricerca nelle scienze umanistiche, di sottoporre a dibattito le diverse metodiche in uso nell’insegnamento della letteratura in ambito scolastico e universitario e di contribuire alla valorizzazione del ruolo del soggetto-ricercatore nelle scienze umanistiche ancorate da ormai due secoli al modello positivista.


TAT’JANA KASATKINA

KASATKINA

Tat’jana Aleksandrovna Kasatkina, nata a Mosca nel 1963, è filosofa, critico letterario, scrittrice; è specializzata in scienze religiose ed è una delle maggiori esperte mondiali dell’opera di Fëdor Dostoevskij. Attualmente dirige il dipartimento di Teoria della letteratura presso l’Istituto di letteratura mondiale dell’Accademia delle scienze russa.

Leggi Tutto

ELENA MAZZOLA

ELENA MAZZOLA

Nata a Desio nel 1974, è linguista, traduttrice e docente universitaria. Dal 2002 vive e lavora stabilmente a Mosca.

Leggi Tutto

logo cassa mirandola small

Sito Web realizzato grazie al contributo della FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI MIRANDOLA